fbpx

Good Contents Are Everywhere, But Here, We Deliver The Best of The Best.Please Hold on!
Social media marketing



La tua azienda non ha ancora una pagina Linkedin?

 

Lo vediamo spesso. Molte aziende non hanno una pagina Linkedin, alcune utilizzano profili di account personali anziché creare una pagina aziendale, inseriscono un logo al posto della foto profilo e una ragione sociale al posto del nome/cognome.

La realtà delle pagine aziendali Linkedin si rivela in Italia ancora poco nota e proprio perché molte aziende non sanno esattamente come funziona una pagina Linkedin trascurano di crearne una.

Sino a poco tempo fa la tendenza era quella di inserire Linkedin nella propria strategia digitale come l’ultimo elemento, come se fosse un di più, come se non fosse indispensabile.

Oggi fortunatamente le cose stanno cambiando. Sempre più aziende aprono la loro pagina Linkedin, a prova di ciò un dato vale per tutti: le pagine Linkedin oggi sono circa 25 milioni, meno di un anno fa erano 18 milioni.

Per le aziende che operano nel B2B poi avere una pagina Linkedin è fondamentale e a dire il vero dovrebbe essere tra i primi elementi da inserire nella propria strategia digitale! E questo semplicemente perché i buyer, i responsabili acquisti delle aziende operanti nel B2B, sono su Linkedin e qui cercano altre aziende da cui rifornirsi.

Nel B2B, 3 Buyers su 4 usano i Social Media, il 45% utilizza Linkedin, il 20% Twitter (fonte Linkedin). Serve ancora spiegare perché essere presenti su Linkedin?

 


Mi serve Linkedin se ho Facebook?


Decidere se essere presente su Linkedin dipende dai tuoi clienti e non da te.

Ogni strategia digitale che si rispetti parte dall’analisi degli obiettivi e della propria buyer persona, ossia del proprio cliente tipo.

Dovrai sempre presidiare i canali social in cui è presente il tuo cliente e non quelli che tu prediligi.

Linkedin e Facebook sono due canali diversi, con un pubblico in parte differente. In alcuni casi è consigliabile essere presenti su entrambe i canali, in altri sarà opportuno scegliere quale dei due è di maggiore interesse e utilità.

Un errore del passato recente era quello di pubblicare i medesimi contenuti su ogni canale social, presidiando tutti nello stesso modo.

É evidente che essendo il tuo pubblico su Linkedin diverso da quello di altri canali, occorrerà creare un piano editoriale differente, con un tono di voce e contenuti propri.

Su Linkedin ti rivolgerai maggiormente ai decisori finali del processo di acquisto B2B, ossia a chi può acquistare il tuo prodotto come materia prima, a chi è interessato a rivenderlo o ad utilizzarlo nei suoi manufatti; su Facebook ti rivolgerai direttamente al cliente finale ossia al privato o a chi ne farà un utilizzo proprio e diretto.

Un esempio pratico: se la tua azienda produce piastrelle per pavimenti,

  • su Linkedin ti rivolgerai ad imprese costruttrici di edifici, ad architetti e designer che le consiglino nei loro progetti oppure a distributori di materiali edili, cui venderai il tuo prodotto
  • su Facebook ti rivolgerai al privato che recandosi da un rivenditore potrà acquistare direttamente le tue piastrelle.

 


Quali temi trattare nella pagina Linkedin?


Seguendo il nostro esempio, su Linkedin parlerai di materiali, di filiera produttiva, di sostenibilità ambientale nel processo industriale, di certificazioni di prodotto, di tendenze relative ai materiali e alla progettazione, su Facebook punterai al lato estetico, al design, alle ambientazioni e tra i temi trattati su Linkedin sceglierai solo quelli che potrebbero interessare il consumatore finale quali ad esempio la tutela ambientale nel processo produttivo come leva ulteriore all’acquisto.


La pagina non serve a diffondere esclusivamente contenuti legati al tuo prodotto ma deve essere studiata e pensata per attrarre attraverso contenuti di interesse relativamente al tuo settore merceologico e per i tuoi clienti.

Parlare solo di prodotto in generale e del proprio prodotto in particolare è uno degli errori più diffusi su Linkedin e anche il primo motivo di insuccesso delle pagine!




Pensi di aver bisogno di qualche dritta in più per creare e gestire la tua pagina LinkedIn?  CONTATTACI

0